News
Home > News > Impatto della nutrizione sulle malattie urologiche e renali.

Impatto della nutrizione sulle malattie urologiche e renali.

Dieta ed integratori influenzano numerose condizioni dell’apparato genito-urinario.

Fotografia
L'alimentazione è una parte importante del condurre uno stile di vita sano.
In combinazione con l'attività fisica, la dieta può aiutare i pazienti, oltre a raggiungere e mantenere un peso sano, anche a ridurre il rischio di malattie croniche (come le malattie cardiache e il cancro) e promuovere la loro salute generale. 

Oggi medici e pazienti sono sempre più consapevoli del rapporto tra alimentazione e malattia.
 
Gli americani David F Mobley e Neil Baum, urologi rispettivamente della Weill-Cornell Medicine di Houston in Texas e della Tulane Medical School di New Orleans in Louisiana, enfatizzano in questo articolo la relazione tra dieta, alimentazione e gestione di diverse patologie urologiche e renali, affrontando in particolare: VESCICA IPERATTIVA
é un'improvvisa contrazione involontaria del muscolo detrusore della vescica che causa un bisogno immediato di urinare. Diverse potrebbero esserne le cause,sia tra gli uomini che tra le donne, e diversi sono i rimedi farmacologici; tuttavia anche alcune attenzioni dietetiche sono utili per migliorarne la fastidiosa sintomatologia.
Una delle raccomandazioni è quella di ridurre o, meglio ancora, eliminare le bevande contenenti caffeina e teina, incluse le bevande energetiche soprattutto gassate, sia per l'effetto potenzialmente irritante che  per quello diuretico.
Nella lista dei cattivi inoltre si devono aggiungere succhi di frutta acidi (come il succo di arancia o di pompelmo), che possono alterare il pH delle vie urinarie ed aggravare i sintomi. L'obiettivo della dieta dovrebbe essere anzi quello di alcalinizzare le urine, magari aggiungendo 2-4 grammi di bicarbonato di sodio una/due volte al giorno. A questo proposito, inoltre, può essere utile ridurre o eliminare cibi alimenti acidi come pomodori e condimenti molto speziati come peperoncini e wasabi.
Infine, evitare i dolcificanti artificiali come l'aspartame e la saccarina può alleviare i sintomi della vescica iperattiva. Proibito il fumo di sigaretta.
Raccomandato al contrario il consumo di verdure, che aumenta il contenuto di fibre alimentari e l'apporto di fitoestrogeni, l'integrazione di Vitamina DMagnesio e Potassio.
 
CISTITE INTERSTIZIALE
Consiste in dolore pelvico e desiderio persistente di urinare accompagnato da pollachiuria e nicturia. Le possibili cause includono difetti nel rivestimento della vescica urinaria che causano irritazione, trauma alla vescica, disfunzione muscolare del pavimento pelvico, disturbi autoimmuni, infiammazione neurogena, trauma del midollo spinale, genetica o allergia.
Anche in questa patologia gli alimenti e le bevande più frequentemente che sono in grado di esacerbare i sintomi sono stati caffè, bibite, bevande alcoliche, peperoncini, frutta e succhi acidi e i dolcificanti artificiali per le stesse ragioni viste per la Vescica iperattiva.
La Johns Hopkins Medicine ha stilato una lista di irritanti vescicali da evitare in queste condizioni.  
Alcuni studi hanno riferito che una combinazione di glicerofosfato di calcio e bicarbonato di sodio potrebbe migliorare i sintomi.
 
 
PROSTATITE
La prostatite, acuta e cronica, è una delle condizioni più comuni osservate nella clinica urologica.  Quella non batterica è la varietà più comune e i sintomi includono un senso generalizzato di disagio nel bacino e con la minzione, caratterizzato da frequenza, urgenza, sensazione di pressione e occasionalmente febbre di basso grado.
I pazienti con prostatite cronica possono considerare di evitare spezie, peperoncini, alcol, grano e glutine. Viene anche a loro poi consigliato di bere adeguate quantità di acqua e consumare cibi ad alto contenuto in fibre e zinco, l'efficacia dello zinco può essere probabilmente attribuita alle sue funzioni antibatteriche e immunomodulanti.
Inoltre, il tè alle erbe o il tè deteinato possono essere utili per il controllo dei sintomi.
 
IPERPLASIA PROSTATICA BENIGNA
L'iperplasia prostatica benigna sempre più frequente con l'aumentare dell'età si caratterizza con sintomatologia urinaria tipica: diminuzione della forza e del calibro del flusso di urina, frequenza della minzione, urgenza, sensazione di non svuotamento vescicale e nicturia.
Controllando la loro dieta molti uomini riescono a migliorare significativamente i loro fastidi urinari.
Non è noto se alcuni alimenti influenzino direttamente il testosterone, ma ci sono prove evidenti che una dieta a base vegetale composta da fagioli, piselli, lenticchie, verdure e semi di sesamo - essenzialmente una dieta mediterranea- può essere utile sia nella Iperplasia Prostatica che sulla Disfunzione erettile.
 
NEFROLITIASI
Esistono 4 tipi principali di Calcolosi: calcio, urato, struvite e cistina.
Tutti i pazienti con nefrolitiasi dovrebbero bere almeno 2,5 litri al giorno. Le modifiche dietetiche possono aiutare a prevenire la nefrolitiasi recidivante e tali modifiche dipendono dal tipo di calcolo renale.
Ad esempio, i produttori di calcoli di acido urico dovrebbero ridurre l'assunzione di carne rossa e crostacei, cosi come di tutti gli alimenti ricchi di purine che vengono metabolizzate in acido urico; utile inoltre una dieta ricca di frutta, e verdure e cereali integrali e limitare l'assunzione di alcol.
I pazienti con calcoli di ossalato di calcio, il tipo più comune, dovrebbero evitare cibi ricchi di ossalato come spinaci, noci e crusca di grano, rabarbaro, barbabietola e patate. Ai pazienti con calcoli di calcio viene spesso consigliato di evitare cibi ricchi di calcio, come i latticini ma a questo proposito è giusto sottolineare che sebbene non sia raccomandato un eccessivo apporto di calcio, un adeguato introito di calcio alimentare rimane importante. La restrizione di calcio non inibisce lo sviluppo di calcoli di ossalato di calcio, ma ha un effetto negativo sulla salute delle ossa, in particolare nelle donne più inclini all'osteopenia e all'osteoporosi.
I pazienti con nefrolitiasi da fosfato di calcio devono limitare l'assunzione di sodio poiché l'eccesso di sodio porta ad un aumento della perdita di calcio nelle urine. Gli alimenti che contengono grandi quantità di sodio includono carne, pesce e pollame salati o in scatola, oltre a pizza e noci, latticello, olive e sottaceti. Inoltre, i pazienti con calcoli di fosfato di calcio dovrebbero limitare l'assunzione di alimenti ricchi di ossalato.
I pazienti con calcoli di cistina dovrebbero limitare il consumo di carne e altre proteine animali e l'assunzione di sale. Dovrebbero anche essere consigliati di consumare più frutta e verdura  perché questi alimenti rendono l'urina meno acida e diminuiscono l'escrezione di cistina nonche di bere almeno quattro litri al giorno.

DISFUNZIONE ERETTTILE
Uno studio sui dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) ha rilevato che la prevalenza negli Stati Uniti  negli uomini di età superiore ai 20 anni era del 18,4%. La disfunzione erettile non solo è fortemente associata all'età ma anche a diabete, ipertensione e storia di malattie cardiovascolari.
 Poiché è correlata  strettamente all'ipertensione, è importante mantenere una dieta salutare per il cuore. I pazienti che seguono una dieta mediterranea, ricca di frutta e verdura di stagione, frutta a guscio e cereali integrali e povera di carne rossa, avevano una ridotta prevalenza di Disfunzione erettile e avevano maggiori probabilità di essere sessualmente attivi rispetto ai coetanei con alimentazione più disordinata.
Un'eccessiva assunzione di sale e grassi può causare ipertensione e aterosclerosi, che possono restringere il lume delle arterie e interrompere il flusso sanguigno... non solo verso le arterie coronarie!  Pertanto,è consigliato di limitare gli alimenti ad alto contenuto di sale come pancetta, prosciutto, carne affumicata, patatine e cracker, etc etc
 
MALATTIA RENALE CRONICA
La Mlalattia renale cronica colpisce circa colpisce circa il 10% della popolazione adulta del mondo  e la maggior parte dei casi non viene diagnosticata perché, nelle fasi iniziali, può essere asintomatica. Il diabete e l'ipertensione ne sono le cause più comuni.
Il controllo idro – eletrolitico, nonché calorico proteico fanno si che la dieta assuma un ruolo di primo piano nella gestione della malattia renale cronica e delle sue principali complicazioni cardiovascolari, inclusi l'iperaparatiroidismo e l'anemia.
Molto importante poi differenziare i giusti atteggiamenti dietetici nelle varie fasi di malattia, ma si può qui affermare  che la dieta mediterranea abbia effetti favorevoli  sulla funzione endoteliale, sull'infiammazione, sul profilo lipidico e sulla pressione sanguigna, giustificando il ridotto declino della funzionalità renale e la migliorata sopravvivenza osservati nei pazienti affetti da MRC ed aderenti alla dieta.
 
I suggerimenti della KidneyKitchen per evitare che la malattia renale peggiori:
  • Mangia molte verdure fresche o congelate
  • Bevi acqua (aggiungi alcune fette di limone e rametti di menta in una grande brocca d'acqua per aggiungere sapore).
  • Cucina a casa in modo da poter controllare la quantità di sale, olio e altri nutrienti nei tuoi pasti.
  • Non scegliere prodotti in scatola e in barattolo.
  • Aggiungi erbe e spezie, anziché sale, ai tuoi piatti per un sapore in più.
  • Scegli i cereali integrali, come il riso integrale, anziché i cereali raffinati, come il riso bianco.
  • Scegli proteine magre: pollo, pesce, tacchino, quinoa, fagioli o prodotti a base di soia (tofu, edamame, tempeh, latte di soia). Occasionalmente puoi mangiare carne magra di manzo o maiale.
  • Fai una dieta normoproteica 0,8/1.2 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo al giorno 
 
CANCRO DELLA VESCICA
Il carcinoma della vescica è una delle neoplasie più diagnosticate al mondo (la settima nel 2017). Gli uomini hanno quattro volte più probabilità di esserne colpiti rispetto alle donne.
Sebbene l'uso del tabacco sia il più grande fattore di rischio alcuni alimenti possono alterare la storia naturale del cancro e persino ridurre il rischio di recidiva o progressione.
L'aumento dell'assunzione di verdure crocifere, ricche di isotiocinati con noti effetti anticancerogeni attraverso enzimi citoprotettivi di fase 2, come germogli di broccoli, cavoli e cavoli è associato a un ridotto rischio di cancro alla vescica. .
Alcune evidenze suggeriscono anche che il consumo di tè può ridurre il rischio di cancro alla vescica.
L'acqua potabile contaminata con arsenico, che è un problema in alcuni luoghi, è un noto fattore di rischio per il cancro alla vescica. Presto poi dovrebbero essere disponibili i risultati dello studio internazionale BLEND che sta tentando di affrontare il problema della dieta e del cancro alla vescica in modo prospettico.
 

Il farmacologo Hevin Patel della Tulane University in New Orleans conclude quindi affermando che: “Dieta ed integratori influenzano numerose condizioni urologiche. Sebbene l'esatta patofisiologia relativa a queste relazioni non sia evidente in tutti i casi, è prudente per gli operatori sanitari essere consapevoli delle relazioni e consigliare i pazienti in merito alla dieta adeguata per il loro particolare problema urologico.”
 
Esistono chiaramente vantaggi e rischi associati a determinati alimenti relativamente ai problemi urologici discussi in questa recensione, ma per molti aspetti i pazienti che consumano una dieta prudente come la dieta mediterranea, MIND o DASH possono ridurre i rischi per queste malattie e  controllare meglio i loro sintomi urinari, oltre a migliorare la loro salute in generale.
Visualizza il documento Lista di irritanti vescicali della Johns Hopkins Medicine Collegamnto esterno Impact of Nutrition on Urologic and Renal Diseases
Stampa la pagina