News
Home > News > La dialisi per vivere... e non vivere per la dialisi!

La dialisi per vivere... e non vivere per la dialisi!

La terapia salva la vita ma rischia di cambiarla definitivamente. Non arrendersi permette di avere una vita gratificante senza reali rinunce.

Fotografia
La maggior parte delle persone si aspetta di avere una giornata stressante di tanto in tanto. Ma quando si affronta una malattia renale cronica avanzata un giorno stressante può facilmente trasformarsi in una serie infinita di brutte giornate.
Infatti se da una parte la dialisi salva la vita dall'altra la potrebbe cambiare irrimediabilmente: trattamenti ricorrenti, restrizioni idriche ed alimentari, farmaci su farmaci, sono solo alcuni dei fattori di stress da affrontare ogni giorno e ogni notte. Si potrebbe sentire che invece di "dializzare per vivere", si stia "vivendo per dializzare" e chiedersi poi se ne valga la pena.
 
Questo può accadere più facilmente quando la vita di chi necessita di dialisi si concentra principalmente o esclusivamente sulla propria salute fisica.
 
Quando succede è importante contrastare immediatamente questa spirale di negatività focalizzando sulle tante altre cose belle della vita, riacquistandone il diritto a godersele per intero.
 
Il consiglio è semplice a dirsi: “Migliorare la propria qualità di vita”, ma si sa tra il dire e il fare c'è spesso di mezzo il mare!

Molte persone con problemi di salute cronici si sentono frustrate perché non stanno vivendo come avrebbero voluto, e parte dello stress deriva dai numerosi cambiamenti dello stile di vita a cui si è costretti affrontando la dialisi: trovare modi efficaci per affrontare questo stress è essenziale per prendere il controllo della propria vita e vivere come si desidera.
Il primo passo in questo senso è scegliere la metodica dialitica, tra tutte quelle a disposizone, che più si addica alle esigenze personali, familiari, sociali e professionali.
 
Di seguito alcune strategie suggerite dagli esperti per vivere con una malattia renale grave, anche in dialisi:
 
Programmare eventi piacevoli (Dpcm permettendo,ndr)
Parte del controllo del proprio benessere emotivo implica la pianificazione intenzionale, l'impegno e il completamento di attività gratificanti. Continuare (o re-iniziare) a farlo potrebbe aiutare a sentirsi meglio... “distrarsi” dagli obiettivi sanitari con attività piacevoli deve essere considerato un obiettivo quotidiano, anche se talvolta non se ne avrebbe particolarmente voglia.
 
Mantenersi in forma

Un'attività fisica regolare può migliorare la salute e la qualità della vita in molti modi. L'esercizio fisico non è solo un buon modo per ridurre al minimo lo stress e aumentare l'energia, ma aiuta anche a regolare i ritmi biologici, l'umore e il controllo del peso oltre a regalare tanti altri benefici personali. “Mens sana in corpore sano” vale anche per chi fa dialisi.
 
Sapersi rilassare

Il rilassamento è l'atto di lasciare andare lo stress e le preoccupazioni. Imparare modi efficaci per rilassarsi può aiutare a sentirsi più calmi e sereni. Un modo è controllare la respirazione, concentrarsi su respiri lenti e profondi permette alla mente e al corpo di ricrearsi. È possibile utilizzare la respirazione profonda praticamente sempre: durante la dialisi, la sera nel letto o anche in automobile.
 
Decidere le priorità

Decidere cosa è veramente importante e poi viverlo senza autolimitarsi sono passaggi fondamentali. Le persone con problemi di salute cronici devono guardare alla vita in modo leggermente diverso dalle altre persone. Numerosi studi suggeriscono che coloro i quali riescono ad adattarsi meglio riferiscono di sentirsi più resilienti di prima, chi accetta interamente la malattia - e la sua inevitabile terapia - compie il primo grande passo per cercare di stare bene
 
Assumendo la responsabilità della propria salute emotiva, ed accettando aiuto quando necessario, può facilitare il processo di adattamento e, quindi, migliorare la qualità della vita. Citando Einstein "Nelle difficoltà si trovano le opportunità".
 
Essere soddisfatti della propria qualità di vita è la differenza tra "dializzare per vivere" e "vivere per dializzare".
Visualizza il documento Living well on dialysis Collegamnto esterno Dialyze to live - Real stories about living on home dialysis
Stampa la pagina